Da anni mi occupo di creare ponti fra diversi mondi: ponti fra moda, business e spiritualità e più recentemente ponti fra moda, spiritualità e nuove tecnologie.

Il mondo tech per me è stata una scoperta molto positiva e, devo dire, anche inaspettata: tutto è partito dalla necessità di trovare un canale per far arrivare alla nostra community il materiale e le risorse che creiamo giorno dopo giorno per loro; da questa necessità abbiamo sviluppato una piattaforma online: la FLP che vuole essere un punto di connessione, ritrovo e risorse, un mix tra academy, community e magazine, per supportare i professionisti dell’industria della moda nella loro ricerca di well-being ed equilibrio professionale e personale.

Noi crediamo che un cambiamento positivo nell’industria della moda, così come nelle altre industrie creative, sia possibile, e pensiamo anche che sia ormai necessario rivedere i vecchi schemi ed aprirci ad un mondo nuovo pieno di possibilità e di connessione che vada al di là dei confini: quindi Internet, i Social Media e il mondo dell’innovazione tecnologica sono per noi un supporto prezioso. Più il nostro progetto si sviluppa, più scopriamo quanto il supporto delle nuove tecnologie possa aiutare anche nel portare well-being nell’industria della moda, creando nuovi spazi umani, all’interno e all’esterno di aziende ed organizzazioni.

Oggi viviamo tempi difficili e di incertezza dove, grazie alle nuove tecnologie, si è aperto un canale, nuovo per alcuni professionisti e già da anni testato e utilizzato da noi tanti: lo Smart Working. Nella mia azienda lavoriamo sempre così: per me la libertà e la responsabilità dei professionisti vanno di par in passo, e sono stai i risultati a darci ragione in tutti questi anni, perché quando le persone lavorano senza costrizioni ma con responsabilità, magari anche con la possibilità di lavorare da remoto in location ispiranti, si diventa più produttivi e sopratutto proattivi.

Sono convinta che passato questo periodo difficile, saremo più consapevoli della necessità di un mondo più evoluto, etico e sostenibile, dove l’aspetto umano sia al centro di tutto, e dove questo nuovo mondo virtuale e tecnologico, ci aiuti a creare delle basi più vere e solide, senza sostituirci, ma affiancandoci.

Per la mia azienda e la nostra piattaforma, il messaggio, il contenuto e l’interazione umana con la nostra community sono la parte vera, quella fondamentale, e perché questa alchimia di cose si crei, il supporto dell’online e delle nuove tecnologie diventa un alleato prezioso.

In questi giorni di “lock-down” la rete e i social sono pieni di interazione positiva e di risorse del well-being, dirette di meditazione e yoga, corsi, webinar ed altre risorse importanti in questo periodo, e sopratutto necessarie: con la mia organizzazione, stiamo lavorando come non mai, e mi chiedo come sarebbe andato tutto se arrivati a questo momento storico, questa difficoltà inaspettata, non avessimo le nuove tecnologie a nostra disposizione….

Sono convinta: siamo solo all’inizio, grandi cose inaspettate sono in arrivo; da parte nostra, continueremo a creare ponti, mettendo sempre in primo piano l’essere umano

 

(Farah Liz Pallaro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *